Piero

Sei il fortunato (si f per dire) visitatore n: Contatore visite

 

 

Piero in attesa di sapere a quale fascia apparterr

   

Ma se ghe penso

 

O l'a parti, ma senza na palanca;

l'a z trent'anni e forse anche ci:

o l'aia lottou pe mette i din a‑a banca,

pe poisene n giorno ton in z.

E fse a palazzin‑n‑a e o giardinetto

c rampicante, e a cantinn‑a e o vin,

a branda attacc ai erboi a so letto

pe dghe nna schenn seia e mattin.

Ma o figgio o ghe dixeia: No ghe pens;

a Rapallu, cse ti ghe veu torn?.

 

Ma se ghe penso, alloa mi veddo o m

veddo i m monti e a ciassa da Nunzi:

riveddo o Righi, e me se strense o chu,

veddo a Lanterna, a Cava e lass o Mu.

Riveddo a‑a seia Rapallu illumin,

veddo la a Foxe e sento franze o m,

e alloa mi penso ancon de ritorn,

a psa e osse dove m madonn.

 

L'ea z passu do tempo, forse troppo;

o figgiu o ghe dixeia: Stemmo ben,

dove t'u and, pap, pensimmo doppo;

o viaggio... o m... t' vgio; no convn...

Oh no, oh no, me sento ancon in gamba,

son stanco e non ne posso proprio ci:

son stffo de sent Herr De Anna,

mi vuggio ritornmene ancon‑in z.

Ti t' nascio e t' parlu tedescu,

mi son nascio Rapallese, e no me mollo.

 

 

E infatti, decise di restare a Monaco di Baviera !

 

 

  Ritorna

  Home